Fughe

Mario Pacchiarotti

Quattordici racconti in totale, alcuni dei quali già pubblicati in varia forma, sia con editori che come indie, altri del tutto inediti. L'ambientazione fantastica viene sfruttata per giocare con le situazioni, spesso ribaltandole, coinvolgendo il lettore nella ricerca di risposte a domande complesse.

L'ironia è una nota costante nella maggior parte di queste storie anche se in alcune si abbandona la leggerezza per affrontare temi più impegnativi. Il sorriso allora tende a farsi amaro, nonostante un'eco canzonatoria rimanga comunque percettibile.

Tutto gira intorno ai difetti dell'uomo: razzismo, odio, passioni carnali, guerre, avidità e sfruttamento, egocentrismo. Per ogni situazione, per ogni racconto, un piccolo stralcio di fantastico viene creato solo per accogliere una storia, per creare una situazione da raccontare.

Porre domande fuori dagli schemi, immaginare situazioni diverse da quelle che affrontiamo tutti i giorni, mettersi nei panni degli altri, sono tutti passi imprescindibile per la ricerca di qualsiasi risposta. Specialmente di quelle che coinvolgono l'animo umano e le sue mille sfaccettature.

Genere: racconti/fantascienza
Pagine: 154
Prezzo: 2,99€ (ebook) - 9,98€ (cartaceo)
ISBN/ASIN: 9781530372010/B01CSBSHIA
Acquistalo qui:
amazon kobo google play ibooks

Perché l'abbiamo scelto

Fughe è una raccolta che si distingue per due elementi: una narrazione sapiente, che mantiene il lettore sul filo della sorpresa e della scoperta, e le tematiche attuali che vanno a sviscerare i vizi della nostra società.

Pacchiarotti si dimostra, infatti, osservatore critico nei confronti della realtà moderna e le sue storie sanno raccontarla da un punto di vista diverso, per certi versi alieno, ma con un linguaggio diretto che porta il lettore a sentirla familiare, a percepire le sue distorsioni narrative come più che possibili.

Le vostre recensioni

Mario Pacchiarotti scrive fantascienza sui generis, l'avevo già appurato nei suoi precedenti lavori, Madre Terra e Teutovirus. Questo “Fughe”, un'antologia di racconti editi e inediti, non fa che confermare la mia impressione. Una raccolta che contiene molti temi, alcuni cari alla “science fiction”, altri più atipici: dall'arrivo di un nuovo Messia agli alieni, dagli zombie ai vegani, dall'innovazione tecnologica al cyberpunk. Ma, anche quando affronta stereotipi del genere, li usa abilmente per stravolgere il punto di vista del lettore, per creare ad arte una rilettura delle storture e dei malanni della nostra folle civiltà. Mi piace la sottile ironia, la grottesca esasperazione delle nevrosi socio-culturali che pervade i racconti di questo autore, la sua capacità di instillare il dubbio, la riflessione, in quello che, a prima vista, sembra quasi solo un “divertissement”, un giocare a destrutturare e ricostruire cliché e archetipi. Uno dei racconti che ho più apprezzato, fra quelli inediti, è Paleocoder, con la sua atmosfera un po' in stile Blade Runner e gli echi del sarcasmo alla Ron Goulart, autore misconosciuto ai più, ma assai caro a chi, come me, è cresciuto a pane e Urania. Buono lo stile di scrittura, chiaro e avvincente, che invoglia a divorare le pagine di questo ebook.

Hai letto questo libro?

Se ti è piaciuto lascia un tuo commento!

Invia la tua recensione

Non ti ha convinto? Raccontaci perché!

Segnala il romanzo