×

Hodoeporicon

Andrea Micalone

1. Prologo

La Rambla di notte.

Le luci e i turisti mi si confondono attorno. Stringo tra le mani un buon kebab. È mezzanotte.

Ho appena lasciato il vecchio Jorge e ora mi dirigo annoiato a casa. C'è ancora gente per strada, nonostante il vento fresco di fine estate preannunci piogge imminenti.

Prendo un buon morso della mia cena. Mastico con lentezza, assaporando la cipolla e la salsa yogurt. Un pezzetto di carne scivola dal pane e termina la caduta sulla mia giacca. Impreco a mezza bocca: l'avevo appena lavata.

Mi fermo e con un colpetto delle dita faccio cadere il frammento a terra.

Riprendo a camminare.

Sto per svoltare l'angolo davanti l'antica Casa Figueras, quando incontro me stesso. Ho un piccolo sobbalzo.

Mi fermo e mi osservo. Siamo vestiti diversamente, ma siamo la stessa identica persona. I nostri visi sono uguali. L'altro però non ha il kebab.

B+Vuoi sapere cosa succede?B; Mi fa lui, il mio alter ego.

B+No. Sarebbe inutile... voglio godermi la serata finché possoB; rispondo.

Egli mi sorride e guarda verso destra nel modo caratteristico che ho scoperto essere mio. Conclude:

B+Allora corri a casa e riposa un po'. Ti chiameranno verso le 3.B;

Annuisco e ci salutiamo.

Non gli stringo la mano. Farlo mi susciterebbe una strana sensazione e lui, essendo me stesso, lo sa. Si allontana in silenzio.

Verso l'una arrivo nel mio letto. Gli occhi si chiudono in fretta, ma è un sonno breve e agitato. Puntualmente, infatti, alle 3:10 arriva la chiamata di Sarah. Dice che c'è stato un omicidio vicino alla casa Batllò.

Il buon vecchio Gaudì non sarebbe stato fiero di ciò, ma il destino non si può cambiare.

2. Hodoeporicon

Ho l'incarico da ispettore di polizia da dieci anni e da tre mi hanno assegnato la Macchina del Viaggio. Così la chiamano.

A Barcellona siamo solo in venti ad averla. Per molti è un onore essere assegnati a quella che viene definita in modo baldanzoso, e che francamente trovo ridicolo, Cronoforza Speciale.

All'inizio ero dubbioso di una simile possibilità, ma ora non riesco a farne a meno. Le mie incertezze da vecchio del ventesimo secolo sono state soffocate da questo nuovo incanto tecnologico. Da quando il viaggio nel tempo è stato introdotto nelle modalità d'indagine, innegabilmente c'è stata una rivoluzione. Una volta occorreva sudare sette camicie per ricostruire la vita della vittima e poter arrivare ai colpevoli, ma ora è diverso. Con la Macchina del Viaggio è possibile andare lì sul luogo. Anzi, è possibile andare lì sul tempo.

Adesso possiamo avvicinare la vittima nei suoi ultimi giorni di vita. Le parliamo, la conosciamo. Possiamo vedere le sue abitudini, le sue frequentazioni e, se siamo fortunati, anche il suo assassino. Ella però non può essere salvata.

I primi tempi non mi spiegavo come ciò fosse possibile. Per giorni assillai i miei superiori con mille domande. Chiedevo loro: se possiamo essere lì nel momento in cui il crimine viene compiuto, perché non possiamo salvare la vittima? Perché non impediamo gli omicidi?

Poi ho iniziato a viaggiare e ho compreso che certi quesiti sono sciocchi. Quando torni indietro nel tempo non crei una nuova situazione in cui le cose possono andare diversamente, bensì si verifica soltanto quello che è già avvenuto. Di conseguenza, se la vittima è stata trovata morta, è proprio perché nessun agente di polizia è riuscito ad andare indietro nel tempo nel momento giusto.

È difficile da comprendere con le sole parole, ma, dopo un paio di viaggi, lo capisci. Non puoi salvare nessuno, non puoi cambiare niente. Puoi soltanto mettere le cose nel modo esatto in cui sono andate.

Quando mi assegnano un nuovo caso, passo alcune settimane indietro nel tempo. Avvicino la vittima, scopro cosa faceva, come viveva e chi la odiava. Se ci riesco, vedo anche chi è l'omicida e tutto ciò che è necessario sapere per scovarlo. Tornando al presente il gioco è fatto: il colpevole in un paio d'ore viene arrestato.

Da quando hanno assegnato le Macchine del Viaggio alle forze dell'ordine, i crimini non sono diminuiti, ma vengono puniti molto più celermente. La certezza della pena non sembra più un remoto obbiettivo, eppure i giornalisti e i politici continuano a spalare letame sulla Cronoforza Speciale. Sostengono che costi troppo e che non valga la pena tenerla in piedi. Io non sono d'accordo.

Passo molto del mio tempo nel passato, ma ciò non mi disturba. Non ho altro: il mio lavoro, qualche amico e la Macchina del Viaggio.

Arrivo con una volante sul luogo del delitto, in Carrer de Mallorca.

L'agente alla guida mi deposita davanti un edificio a tre piani. Ci sono parecchie auto delle forze dell'ordine e una viva concitazione.

Entro nel portone senza curarmi di nessuno. È un atrio scuro, con le pareti foderate in legno e uno specchio sulla sinistra che mi riflette. In fondo c'è una gradinata. La raggiungo e inizio a salire le scale.

Per via del trambusto, nonostante l'ora, a ogni piano ci sono molte persone affacciate alle porte. Al secondo, ferma su un uscio, c'è una donna che tiene in braccio una bambina bionda.

Passandole davanti di fretta, le intimo:

B+Cosa fa qui? Porti dentro sua figlia!B;

La signora si offende per il mio tono brusco e chiude.

Scuoto la testa.

Raggiungo l'ultimo piano e trovo due porte: l'uscita sul tetto e l'entrata di un appartamento. Quest'ultima è spalancata e la decorano nastri gialli che comunicano la messa sotto sequestro.

È sulla soglia che incontro Sarah. Lei, come mi vede, mi si fa incontro. È una brava ragazza e fa con onesto impegno il proprio lavoro. Ritengo che abbia tutte le potenzialità per diventare un'ottima ispettrice, anche se mi stanca con quell'atteggiamento puntiglioso tipico delle donne sul lavoro.

Mi punta i suoi occhi grigi addosso e tremola con la testa, facendo oscillare i capelli biondi un po' sporchi: ha bisogno di uno shampoo. B+La vittima è un signore di settant'anni: Antonio Palmenti. Di origini italiane, viveva qui da solo. Gli altri condomini hanno sentito alcuni colpi di pistola e poi qualcuno scendere dalle scale. Vieni.B; Dice tutto rapidamente, senza salutarmi. Come finisce, torna indietro ed entra nell'appartamento.

La seguo. Mi chino per superare i nastri e mi ritrovo in un salotto ampio, arredato con gusto. Una luce aranciata si diffonde dalla plafoniera sul soffitto color madreperla. La finestra è aperta sul balcone e un profumo di incenso si leva morbido. Sul tavolo di noce c'è un bastoncino aromatico quasi del tutto bruciato da cui si leva il fumo odoroso. A giudicare da questo dettaglio e da alcune sculture tribali poste sulla credenza di fronte, penso che la vittima doveva essere un patito di robe africane e orientali, di quelli che camminano scalzi per casa e si sentono più intelligenti perché non sono cristiani come la maggior parte degli altri.

Il corpo è riverso a terra e non c'è ancora il telo bianco a coprirlo. Evidentemente anche gli altri agenti non sono arrivati da molto. Il cadavere ha una vestaglia da sera, color blu notte, e due pantofole ai piedi.

Mi chino per osservare il viso del defunto.

Vedo la faccia da anziano che mi aspettavo, con un foro di proiettile sulla fronte.

B+Aveva donne?B; Chiedo a voce alta.

Sarah, fermatasi alla mia destra, mi risponde:

B+Non proprio. C'era una ragazza che prima veniva sempre da lui, ma dicono sia morta.B;.

B+Dicono chi? Chi lo dice?B; Le domando guardandola.

B+Gli altri inquilini del condominio. Ho già fatto alcune domande.B;

Riosservo gli occhi vacui del defunto, poi mi alzo in piedi scuotendo la testa. Ho imparato che fare domande a persone coscienti di essere interrogate, non sempre dà buoni risultati. Con il viaggio nel tempo invece posso porre i miei quesiti prima che sia avvenuto il crimine, quando la gente è tranquilla e non teme niente.

Alcuni poliziotti si aggirano per il salotto, scattano foto e cercano impronte.

B+Questa ragazza di cui parli come è morta?B; Chiedo ancora a Sarah.

B+In un incidente stradale. Travolta da un'auto. Circa una settimana fa.B;

Un incidente.

Di nuovo.

B+Come si chiamava?B;

Sarah tira fuori un blocchetto dalla tasca destra del pantalone e ne sfoglia le pagine minute. B+Aspetta che te lo dico subito. Si chiamava Jessica. Jessica... ehm... aspetta. Ah ecco, Jessica Lefevre!B;

B+Francese?B;

B+Di origini, ma gli altri condomini hanno detto che è nata e cresciuta qui in Spagna.B;

Mi guardo attorno. Noto delle foto incorniciate poste sopra una libreria, al fianco della credenza che ospita le sculture tribali. Mi avvicino. Vedo dei primi piani della vittima, e sullo sfondo c'è quasi sempre un pub in penombra. Soltanto in un'immagine il vecchio è abbracciato a una donna evidentemente più giovane. Sorridono entrambi.

B+È lei?B; Chiedo indicando la fotografia.

Sarah si avvicina, guarda l'immagine e scuote la testa. B+Non saprei dirti, non l'ho vista. Per ora di questa ragazza me ne hanno soltanto parlato.B;

B+Va bene. Senti.B; Allargo le braccia per indicarmi intorno. B+Fate tutto ciò che c'è da fare. Controllate il proiettile, interrogate tutti e il resto. Io ora vado a concludere il mio sonno, poi domattina partirò. Ci sentiamo quando torno dal Viaggio.B;

Sarah reclina il capo come se volesse rimproverarmi. B+Già vai via? Non dovresti passare così tanto tempo nel passato. Lo sai. Il medico te l'ha sconsigliato.B;

B+È per lavoro, Sarah.B;

B+Non è solo per quello.B; Ella scuote il capo. B+Tu non fai come gli altri. Tu rimani nel passato per settimane intere. Quando ti incontro non sono mai sicura se sei tu o il te del futuro che indaga. È inutile che stai così tanto tempo...B;

B+Sarah, per favore.B; La interrompo bruscamente alzando la mano destra. Poi, riducendo la voce a un sibilo che ha la forza di un grido, aggiungo: B+Io faccio come voglio. Mi trovo bene così.B;

Sarah stringe le labbra e guarda le foto alle mie spalle. Come se non mi avesse udito, aggiunge:

B+E diventi irascibile se te lo fanno notare, ma fai come vuoi.B;

Finalmente si allontana. Esce dalla porta chinandosi sotto i nastri.

Io sbuffo e mi guardo attorno.

Lo schizzo di sangue sulla finestra è inequivocabile: l'assassinio si è consumato qui. Impensabile l'idea di un suicidio, altrimenti ci sarebbe ancora la pistola sul pavimento.

Devo andarmene, così potrò riposare e iniziare domani la vera indagine.

Mi avvio verso la porta, quando l'occhio mi cade su un oggettino al suolo.

Un anello d'oro.

Mi chino e lo osservo: è una fede nuziale.

Il morto era sposato?

Sfilo il fazzoletto che ho in tasca e lo uso per afferrare l'anello, così da non intaccare eventuali impronte. Me lo avvicino alla punta del naso e leggo le iniziali incise all'interno.

Alzo le sopracciglia: non sono semplici iniziali, ma due nomi interi.

Mi manca il fiato. Com'è finito lì?

Mi scruto nelle vicinanze. Nessuno degli agenti pare aver notato che ho preso l'anello, ma sicuramente lo avranno già fotografato e segnato.

Qualcuno vuole incastrarmi. Questa è la mia fede nuziale.

esci

Hodoeporicon

Andrea Micalone

hodoeporicon
Leggi l'anteprima

Barcellona, anno 2026. Il viaggio nel tempo è entrato nelle modalità d'indagine della polizia. I cronoagenti, costretti a operare nel più stretto riserbo, sono tra noi e analizzano le vite di coloro che saranno assassinati in futuro. Uno dei membri della Cronoforza Speciale, nome in codice "Tom Duval", riceve l'incarico d'investigare sul brutale omicidio di un anziano signore di origini italiane: Antonio Palmenti.

Duval, però, comprende subito che la vicenda lo coinvolge personalmente, poiché sul luogo del delitto trova la propria fede nuziale: qualcuno vuole incastrarlo. Inizia così un viaggio a ritroso nel tempo per capire cosa lo lega alla vittima e a tutti i personaggi che vorticano in questa storia dai contorni oscuri.

A questo si aggiungono anche le ripetute allucinazioni dovute alla Macchina del Viaggio. Ogni volta l'uomo rivive con orrido realismo la tragica scomparsa di sua moglie e sua figlia, avvenuta tre anni prima. I drammi interiori del protagonista si vanno così a confondere e intrecciare con i paradossi temporali che lo assediano, imbrigliandolo in una logica ferrea e imperscrutabile.

Un romanzo in cui ci si muove a ritroso: ogni capitolo si svolge prima del precedente. Seguendo l'ispettore nelle sue indagini temporali, la trama si snoda partendo dal finale e andando verso l'inizio, fino ad arrivare al principio dove tutto si chiude in un anello cronologico. L'universo in cui si viene catapultati non è però molto distante dal nostro, anzi localizza la storia in un futuro assolutamente possibile e vicino, inquietante e dal sapore contemporaneo.

L'autore

andrea micalone

Andrea Micalone è nato ad Atri (Te) il 18/11/1990 e vive a Pescara. Nel 2010 una sua poesia è stata selezionata per la pubblicazione nell'antologia di poeti contemporanei "Il Sogno", curato dal collettivo Poesiaèrivoluzione. Sempre nel 2010 ha ricevuto poi il Premio Speciale della giuria alla Dodicesima Edizione del Premio Nazionale di Poesia "Oreste Pelagatti" tenutosi a Civitella del Tronto.
Nel 2011 ha pubblicato una sua raccolta di racconti con Arduino Sacco Editore, dal titolo "Buonanotte ai Sognatori". Nel 2013 invece, grazie al romanzo di genere fantascientifico "Hodoeporicon", è rientrato tra gli otto finalisti del Premio Urania della Arnoldo Mondadori Editore.
A partire dal 2014 sta distribuendo in ebook la sua prima saga fantasy "Il Tramonto della Luna". Sono già stati pubblicati i primi tre romanzi: "Le Origini della Notte", "I Signori dei Primordi" e "L'Alba di Sangue". Collabora attivamente con alcuni siti e blog di interesse letterario. Potete trovare i suoi articoli su "Letture Fantastiche", "Penne Matte", "Wired.it", "Le Lande Incantate", "Abruzzo Live" e "Nuove Vie del Fantastico".

Il suo sito web


cartoleria

Perché l'abbiamo scelto

Hodoeporicon è quello che negli Stati Uniti verrebbe definito un page-turner, un romanzo capace di trascinarti nella lettura, pagina dopo pagina.

Andrea Micalone, infatti, mettendo l'ambientazione fantascientifica a suo completo servizio, riesce a costruire un giallo impeccabile, dove i colpi di scena si susseguono vorticosamente, trascinando il lettore verso l'ineluttabile soluzione del mistero.


fire
promo
bibisco